RINNOVO QUOTA ASSOCIATIVA 2018 e nuovi soci

Ogni anno il 31 dicembre scade la tessera associativa, dai primi dell’anno quindi è da rinnovare l’iscrizione all’Associazione che quest’anno è di 15 euro. Grazie a chi ha già provveduto.
Per rinnovare basta seguire le seguenti istruzioni:

  • Fare il bonifico per la quota associativa, IBAN: IT20T0503403212000000200115 indicando nella causale il nome del socio

Inviare la ricevuta del bonifico a segreteria@apiterapiaitalia.com

Per i nuovi soci invece è possibile scaricare il modulo d’iscrizione alla pagina http://www.apiterapiaitalia.com/download/modalita-iscrizione-associazione.pdf

soci 2018

Annunci

Archeologia e palinologia: Miele di vite all’epoca del Ferro.

Notizie importanti sono emerse da un lavoro pubblicato recentemente (Castellano et al. 2017) sulle tecniche apistiche impiegate durante l’Età del Ferro nell’Italia settentrionale.  Uno scavo eseguito nel sito archeologico di Forcello, non lontano da Mantova, ha fornito dati essenziali per determinare la flora visitata dalle api di allora e per ipotizzare che 500 anni AC venisse effettuata un’apicoltura itinerante in Italia.  Continua a leggere

Casa dolce Casa……Arnia dolce Arnia!

arnia casaÈ proprio così, anche le api hanno il concetto di casa ed è tutta una questione olfattiva!
Capita anche a noi quando ci rechiamo a casa di amici o parenti di essere accolti da un odore nuovo: ogni casa ha un suo odore , non solo anche chi la abita ha il suo odore.
È noto come, nella società delle api, gli intrusi non siano sempre ben accetti e rischino davvero la vita nel caso vogliano entrare per forza nell’alveare. Le api guardiane sono molto severe nel giudicare chi ammettere e chi aggredire come invasore. Continua a leggere

NEL 2050 POTREMO BERE ANCORA CAFFE’?

Beautiful little honey bee feeding on blueberry blooms.Api e caffè non sono argomenti così estranei, anzi, il primo è il più importante impollinatore del secondo… per ora.

La più vasta area di coltivazione del caffè è attualmente posta nei paesi dell’America latina e riguarda, soprattutto, aziende agricole di modesta dimensione a conduzione familiare.

E’ necessario considerare che gli scenari futuri, derivanti dall’attuale andamento climatico, prevedono aumenti della temperatura e conseguenti spostamenti verso zone meno calde delle nostre colture più importanti, tra cui il caffè.  Continua a leggere

ALTRI USI DELLA PROPOLI: dall’agricoltura al verde pubblico

pidocchi roseLa tintura di propoli può essere usata anche in campo agricolo per combattere parassiti e infestazioni di vario tipo, nei trattamenti post-raccolta della frutta per favorirne la conservazione evitando lo sviluppo di marcescenze e per disinfettare la frutta stessa.

Inoltre una soluzione idroalcolica di propoli, combinata con una miscela a base di zolfo (Sulfar) è efficace nella difesa delle piante dai comuni attacchi parassitari, attenzione però Continua a leggere

UN RONZIO CHE DICE MOLTE COSE

L’impollinazione è un servizio ecosistemico fornito da api, bombi e di molti altri apoidei che consente la fruttificazione di più dell’85% delle piante con fiori e di più del 75% delle colture agrarie. Giustamente oggi si impiega il termine “servizi ecosistemici” perché questi non sono altro che i benefici multipli forniti dagli ecosistemi al genere umano; in questo caso l’impollinazione permette la produzione di cibo e la formazione di semi indispensabili per la perpetuazione di una specie.  Continua a leggere

OPEN DAY APITERAPIA

Porte aperte per conoscere l’ApiTerapia

Tutti invitati nella sede dell’Associazione Italiana Apiterapia a Mazzano Romano a nord di Roma nel parco del Treja e vicino alle cascate di Monte Gelato per conoscere l’apiterapia e tutte le sue applicazioni. L’occasione per una gita “fuori porta” alla scoperta di una “nuova ma antica” terapia integrativa che può apportare benefici per molti disturbi o patologie. Ci sarà la possibilità di provare l’Apiario Integrato e di parlare con il dr. Colonna per valutare la possibilità di fare ApiToxiterapia. Vi aspettiamo!

locandina inaugurazione pubblico

https://www.facebook.com/events/217116282112007/

Stimolare la produzione ed il mercato delle specie mellifere: il vivaista diventi un alleato dell’apicoltore

La frammentazione e la distruzione di habitat ha influito negativamente sulla flora che supporta gli impollinatori, sia selvatici sia domestici, e sulla loro abbondanza.  Questo fatto impone un’inversione responsabile e veloce della tendenza per assicurare al mondo la produzione di alimenti e la funzionalità di tutti i servizi ecosistemici indispensabili alla vita.  In questo senso si lavora attivamente alla connettività ecologica ed alle normative che regolano l’uso di pesticidi.  Sono argomenti che generano dibattiti accesi in ambito cittadino mantenendo vivo l’interesse del pubblico. Continua a leggere

Respirare l’aria dell’alveare…perchè?

apiario integratoC’è un nuovo modo naturale per prevenire e trattare alcuni disturbi delle vie respiratorie, respirare l’aria dell’alveare ricca di oli essenziali e resine che hanno un’azione, balsamica, disinfettante e fluidificante. Per fare ciò sono stati ideati gli APIARI INTEGRATI: delle “casette” in legno alle quali sono collegate le arnie in modo che l’aria balsamica saturi l’ambiente interno alla struttura dove si può passare comodamente un’ora in tutto relax beneficiando degli aromi del  complesso e unico microcosmo dell’alveare. Continua a leggere

BIOMONITORAGGIO AMBIENTALE: le API sentinelle dell’ambiente

 

img-20170130-wa0003Negli ultimi decenni la qualità della vita è diventata una priorità. Uno degli aspetti significativi è la condizione ambientale, da cui ne deriva una serie di considerazioni ed azioni che ne regolano la tutela.

Al fine di Tutelare l’ambiente occorre misurarne il suo stato, tramite monitoraggi che determinano il grado di salubrità.

img-20170130-wa0010La storica cava di gesso denominata Gesso Nosei, compresa tra i Comuni di Cocconato e Montiglio Monferrato, viene esercita da Saint-Gobain Gyproc. l’Attività del Gruppo francese Saint-Gobain specializzata nell’estrazione di gesso e nella produzione di cartongesso e intonaci speciali per il green building. Saint-Gobain Gyproc opera come membro responsabile nella comunità, valorizzando il territorio e assicurandosi che l’estrazione sia condotta minimizzando gli impatti ambientali. La cava di Gesso Nosei, certificata ambiente ISO 14001, esegue continui monitoraggi sugli indicatori ambientali. Più recentemente, in collaborazione con Apicoltura BeeO di Francesco Collura, ha dato inizio ad una sperimentazione su un nuovo metodo di rilevazione delle polveri diffuse, al fine di monitorare e analizzare la concentrazione dei solfati nell’aria all’esterno del perimetro dell’area estrattiva. Continua a leggere