UTILIZZO DEL VELENO D’APE NEI PROCESSI DEGENERATIVI CEREBRALI: MORBO DI PARKINSON

substantia nigraIl Parkinson (PD) è la seconda malattia neurodegenerativa più diffusa, caratterizzata da una progressiva perdita di neuroni dopaminergici nell’area: denominata substantia nigra e in particolare nella porzione denominata pars compacta che porta ad esaurimento della dopamina striatale e a sintomi motori come bradicinesia, tremori a riposo, rigidità e instabilità posturale.

Le attuali strategie terapeutiche sono prevalentemente di tipo sintomatico e possono causare complicanze motorie come oscillazioni motorie e discinesia.

L’integrazione alla terapia medica dell’uso del veleno d’ape  può offrire un trattamento adiuvante efficace per il PD per la proprietà dello stesso di oltrepassare la barriera ematoencefalica: la terapia con l’utilizzazione del veleno delle api (BVT), già da tempo utilizzata come terapia anche in altre patologie come l’artrite reumatoide, l’asma e le malattie della pelle.

parkinsonStudi sperimentali e clinici hanno dimostrato che la BVT potrebbe essere un trattamento adiuvante efficace per il PD grazie alla sua capacità di attenuare la neuroinfiammazione, di inibire l’apoptosi dei neuroni dopaminergici, di proteggere contro la neurotossicità indotta dal glutammato e di ripristinare i livelli normali di dopamina nel percorso striatale (Rassegna sull’uso del Veleno d’api nel trattamento del Parkinson di un gruppo di ricercatori della Facoltà di Medicina delle Università Zagazig e Ain Shams del Cairo, Egitto pubblicata su PubMed.gov: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/28477460).

Tali conclusioni ci arrivano da studi come, ad esempio, quello condotto dal Dipartimento di Malattie Cardiovascolari e Neurologiche della Facoltà di Medicina Coreana, Università di Kyung Hee, Seoul, Repubblica di Corea: “Efficacia dell’agopuntura e agopuntura col veleno d’ape nel Parkinson idiopatico” (pubblicato su PubMed.gov:  https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmedHYPERLINK “https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/22632852″/22632852).

parkinson apiQuesto studio è stato effettuato con lo scopo di esplorare l’efficacia sia dell’agopuntura che dell’apipuntura con il veleno delle api come terapie adiuvanti per il Parkinson idiopatico. Sono stati reclutati 43 adulti con Parkinson idiopatico sotto dose stabile di farmaci antiparkinsoniani da almeno un mese. Sono stati assegnati a caso a 1 dei 3 gruppi: agopuntura, apipuntura con veleno delle api e controllo. Tutti i partecipanti sono stati valutati utilizzando la Scala di Valutazione del Parkinson Unificato, il Questionario sulla Qualità di Vita del Parkinson, l’Inventario della Depressione Beck, la Scala di Equilibrio di Berg e una camminata di 30 minuti. I gruppi di trattamento sono stati sottoposti a stimolazione di 10 punti di agopuntura utilizzando l’agopuntura e l’agopuntura con veleno delle api due volte alla settimana per 8 settimane. La valutazione iniziale è stata ripetuta al termine del trattamento. Il gruppo di controllo non ha ricevuto alcun trattamento. I partecipanti al gruppo di agopuntura con veleno delle api hanno mostrato un significativo miglioramento rispetto alla Scala di Valutazione delle Malattie di Parkinson Unificato (punteggio complessivo, così come le parti II e III singolarmente), la Scala di Equilibrio di Berg e il tempo di percorrenza di 30 minuti. Rispetto al gruppo di controllo, il gruppo di agopuntura del veleno delle api ha sperimentato un miglioramento significativamente maggiore nella Scala di Valutazione del Parkinson Unificato. Nel gruppo di agopuntura, la Scala di Valutazione del Parkinson Unificato (parte III e punteggi totali) e l’Inventario della Depressione di Beck hanno mostrato un miglioramento significativo. Il gruppo di controllo non ha mostrato cambiamenti significativi in ​​nessun risultato dopo 8 settimane. In questo studio pilota, sia l’agopuntura che l’agopuntura col veleno delle api hanno mostrato risultati promettenti come terapie adiuvanti nel trattamento del Parkinson.

Oppure lo studio condotto dal Dipartimento di Cardiologia e Neurologia, Università di Medicina Coreana, Università Kyung Hee; dal Dipartimento Disturbi Neurologici, Ospedale Universitario di Kyung Hee a Gangdong; dal Dipartimento di Epidemiologia e Biostatistica, Scuola di Pubblica Medicina e Istituto di Salute e Ambiente, Università Nazionale di Seoul; dall’Agopuntura e Meridian Science Research Center, Università di Medicina Coreana, Università Kyung Hee, Seoul, Repubblica di Corea: “Studio prospettico di un trattamento combinato del Parkinson Idiopatico con agopuntura e agopuntura con veleno d’ape come trattamento aggiuntivo”.

(pubblicato su PubMed.gov: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/26230989).

Sono stati reclutati 11 pazienti (7 uomini e 4 donne) con PD idiopatico sotto farmaci anti-parkinson da almeno 4 settimane. I partecipanti hanno ricevuto il trattamento convenzionale per 12 settimane. Successivamente, hanno ricevuto un trattamento aggiuntivo con apipuntura e BVA due volte a settimana per 12 settimane pur parkinson2mantenendo il trattamento convenzionale. Tutti i partecipanti sono stati valutati alla base, 12 settimane e 24 settimane utilizzando la scala di valutazione UPDRS, il questionario per la qualità della vita del morbo di Parkinson (PDQL), la velocità e il numero di passi necessari per camminare 20 minuti secondo la Beck Depression Inventory (BDI). La massima escursione e il controllo direzionale, misurati con posturografia dinamica computerizzata (Sistema Balance Master), sono stati utilizzati per valutare la stabilità posturale.

I pazienti che hanno subito 12 settimane di trattamento combinato due volte a settimana con agopuntura e la BVA hanno mostrato significativi miglioramenti nella velocità di andata, nel punteggio PDQL, nelle attività di vita quotidiana (UPDRS parte II), nei sintomi motori (UPDRS parte III) e nell’UPDRS parte II + III. Punteggio comparato con le valutazioni dopo il trattamento convenzionale.

Oppure lo studio condotto dall’Aix Marseille Université, dall’INSERM, CNRS, Collège de France e dall’APHP, Département des Maladies du Système Nerveux, Centre Expert Inter-Régional Ile de France de la Maladie de Parkinson, Hôpital Pitié-Salpêtrière in Francia: “Il veleno d’ape allevia i deficit motori e modula il trasferimento di informazioni corticali attraverso i gangli basali nei modelli di ratto con Parkinson”, (pubblicato su PubMed.gov:  https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/26571268).

Si è studiata l’azione neuroprotettiva del veleno delle api sui neuroni sulla dopamina nigra negli animali con Parkinson (PD). E’ stato esaminato se il veleno delle api mostra anche un’azione sintomatica agendo sul funzionamento patologico dei gangli basali nei modelli PD di topo. Gli effetti del veleno delle api sono stati valutati combinando analisi del comportamento motorio e registrazioni elettrofisiologiche in vivo nei substrati della substantia reticulata (struttura di uscita dei gangli basali) nei trattamenti farmacologici (trattamento neurolettico) e lesionali (iniezione intracranica 6-idrossidopamina unilaterale). Nel modello lesionale 6-idrossidopamina emi-parkinsoniano, il trattamento subcronico del veleno d’ape riduce in modo significativo l’akinesia controlaterale dell’arto e la rotazione indotta da apomorfina. Inoltre, una singola iniezione di veleno d’api inverte la catalessia indotta da aloperidolo. Le registrazioni elettrofisiologiche in vivo della substantia nigra pars reticulata (struttura di uscita del gangli basali) non hanno mostrato alcun effetto significativo del veleno delle api sulla frequenza media di scarico neuronale o sull’attività di rottura patologica. Al contrario, le analisi delle risposte neuronali causate dalla stimolazione della corteccia motoria mostrano che il veleno delle api inverte la polarizzazione 6-OHDA e neurolettica indotte dall’influenza esercitata dai circuiti diretti inibitori e indiretti eccitatori striato-nigrali. Questi dati forniscono la prima prova di un’azione benefica del veleno delle api sul funzionamento patologico dei circuiti gangliali cortico-basali sottostanti i sintomi motori del PD con potenziale rilevanza per il trattamento sintomatico di questa malattia.

Questi studi fanno ben sperare che in un prossimo futuro la combinazione tra medicina moderna e l’uso dei prodotti naturali, nella fattispecie il VELENO D’APE possano portare ad un miglioramento delle condizioni generali dei pazienti affetti da morbo di Parkinson.

A cura di: Aristide Colonna, medico-chirurgo, presidente Associazione Italiana Apiterapia & Deborah Vannicola, naturopata
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...